giovedì 10 marzo 2011

Frammenti di memoria


 Dalla carne all'anima

Le leggendarie note di un canto secolare, riscaldato dalla luce di candele profumate, in un deserto, sacro e sospeso, di sabbia, legno e rocce. Un'antica danza rituale che ritorna ai passi ancestrali dell'uomo, laddove non era una lingua codificata a unire ma un linguaggio universale, fatto di archetipi, corpo e voce. E in questo panorama ecco comparire l'uomo, destrutturato, primitivo, scrigno di una memoria che diventa biologica e universale. Questo il cuore del progetto Frammenti di memoria, presentato dalla compagnia bolognese Instabili Vaganti con la regia di Anna Dora Dorno e musiche originali di Andrea Vanzo, all'interno della stagione teatrale della Soffitta. Per l'occasione la compagnia ha realizzato un workshop, una conferenza e lo spettacolo finale. Si tratta di un progetto creativo nato nel 2006 e sempre in fieri che coniuga contaminazione e sperimentazione, nel tentativo di un nuovo approccio a un'arte che si fa totale e multidisciplinare. Il Bauhaus si congiunge alla visione grotowskiana dell'Arte, attraverso una ricerca instancabile che come un contenitore si riempie senza fine di viaggi, rituali e tradizioni appartenenti a popoli differenti tra loro ma legati da una comune matrice antropologica. Ed è proprio questa la chiave in cui si sviluppa questo nuovo attore sacro che si fonde col video, sino a creare un'unica unità, in una realtà sospesa, atemporale e aspaziale. Lo stesso movimento del corpo dell'attore è fluido e supera le barriere fisiche per divenire un unicum con il Tutto. Un movimento che si fa danza silente, vellutata che al contempo grida al mondo la sua sete di rinascita. E così il lutto di un'antica sposa e il dolore di un uomo incappucciato attende impaziente la redenzione di una prossima Resurrezione attraverso un rituale che si rigenera continuamente. 
Questo percorso iniziatico si avvale di tre momenti. Nel primo il neofita affronta la memoria del corpo, un sottopelle proustiano; nel secondo rivive la memoria della carne in senso viscerale. La terza tappa è un canto dell'assenza che si nutre di memoria collettiva, danze rituali e musiche popolari.
Dalle viscere dell'esistente umano dantescamente si ritorna a riveder le stelle.


Daniela Delzotti

1 commento:

  1. It’s really a nice and helpful piece of information. I’m glad that you shared this helpful info with us. Please keep us informed like this. Thanks for sharing.

    nolvadex

    RispondiElimina